Trovare la motivazione per iniziare ad allenarsi e rimanere costante in 5 passi

Allenarsi fa bene, lo sanno tutti, è un comportamento virtuoso, ha innumerevoli vantaggi bla bla bla… Non basta sapere che una cosa fa bene, per farla – per iniziare – occorre una forte (o quantomeno sufficiente) motivazione.
E poi per andare avanti serve un piano, una strategia per non farci mollare dopo poco tempo. Ecco allora 5 consigli per trovare la giusta motivazione per iniziare ad allenarsi e mantenere i risultati costanti nel tempo.

trovare motivazione

1. Comincia dalle basi

Prima di tutto partiamo dalle basi cercando di rispondere ad una semplice domanda. In concreto, che cosa può fare per te l’allenamento? Sembra una domanda difficile che apre scenari vasti e insondabili, ma in realtà per rispondere servono solo 3 parole: forza, resistenza, velocità. Questo può fare per te l’allenamento, ti può rendere più forte, più resistente e più veloce. Queste sono le variabili che entrano in gioco quando si segue un programma di allenamento – qualunque esso sia, ovunque tu lo faccia, con qualunque mezzo o fine.
(Per intenderci, se non fa nessuna di queste cose non è un allenamento fisico).
Quindi chiediti quali sono i tuoi punti di forza e le tue debolezze e parti da lì per trovare il tuo obiettivo.

2. Non è perfetto se non è perfetto per te

A questo punto non ti resta che scegliere un programma adatto a te. E fai attenzione, adesso il momento è delicato e inizi a camminare sulle uova.
Non commettere l’errore di pensare che esista un programma perfetto a priori. Il Programma.
Se un programma ha dato buoni risultati ad una tua amica non è detto che funzioni anche per te. Infatti oltre al programma di per se devi considerare anche l’ambiente che ti circonda, le tue inclinazioni e come vuoi approcciarti all’allenamento.

3. Non ti fissare! Punta a più obiettivi

Se hai iniziato ad allenarti, molto probabilmente hai un obiettivo in mente da raggiungere – che sia perdere tot chili, correre una maratona, o scalare una falesia.
Ottimo, ma il nostro consiglio è non fermarti ad un unico obiettivo perché rischi di non andare proprio da nessuna parte.
Ad esempio se ti sei posta un obiettivo molto ambizioso (che magari richiede anni di allenamento) rischi di scoraggiarti e mollare. Allo stesso modo se invece il tuo obiettivo è troppo facile, cosa fai una volta raggiunto? Facile che molli.
Allora cerca di porti più obiettivi, anche contemporaneamente, magari di intensità diversa tra loro (in gergo macro e micro obiettivi), ma sempre e comunque più di uno.
Questo ti garantirà diverse cose:
– riuscirai a notare molti più cambiamenti di quando ti concentri su una sola cosa
– sarà più difficile perdere la motivazione perché man mano che vai avanti raggiungerai gli obiettivi e ti sentirai gratificata.

4. Non ti fissare (parte due). La strada è lunga anche lo zero è un numero reale

Può capitare che per ottenere un determinato risultato occorra un tempo più lungo di quello che ti eri prefissata, o che banalmente ti accorgi di aver fissato l’asticella troppo in alto e l’obiettivo che ti sei posta è al si sopra delle tue possibilità.
No Panic! Intanto se hai seguito il punto 3, difficilmente rimani col sedere per strada. E poi devi pensare che stai seguendo un percorso, quindi sei letteralmente in movimento e le cose possono cambiare. Se rimani fissa nelle tue idee iniziali senza considerare ciò che nel frattempo è cambiato intorno a te, non solo rischi di non arrivare dove vuoi ma peggio ancora di tornare indietro. E considera che quando stai percorrendo una strada, anche il non tornare indietro è comunque un risultato (esempio facile; se sei a dieta e non dimagrisci ma non stai neanche ingrassando è comunque un risultato positivo, per ora).

5. Impara dagli errori

Non si perde mai, o si vince o si impara. Stai sbagliando qualcosa? Dopo tre mesi di entusiasmo ti ritrovi al punto di partenza? Analizza quello che è successo. Valuta se magari non hai semplicemente sbagliato percorso, e dunque se sia il caso di intraprenderne un altro. Oppure se hai osato troppo, ponendoti da subito obiettivi irrealizzabili, in quel caso rivedili e prova a farti un elenco di macro e micro obiettivi come abbiamo detto al punto 3).
Però fai attenzione. A volte non arrivano i risultati che ci aspettavamo, dobbiamo essere brave a vedere e riconoscere quello che abbiamo ottenuto, potremmo addirittura rimanere sorprese da risultati inaspettati.

Conclusione

Ricapitolando, non esiste una ricetta perfetta per farci inseguire e raggiungere i nostri obiettivi. Nessuno potrà dirci meglio di noi stesse cosa funziona o cosa è più adatto. Per fortuna basta avere un piano perché decidere dove si vuole arrivare è il primo passo per arrivarci.


ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Cosa aspettarsi dal proprio allenamento

Personal Trainer: ti serve veramente?

Allenarsi a casa: video-lezioni o schede?

L’allenamento più efficace per dimagrire

Comments are closed