3 consigli più 1 per rimetterti in forma dopo le vacanze di Natale

Ogni anno la stessa storia. Passate le feste e finita l’ultima abbuffata, senti il bisogno di rimetterti in forma dopo il Natale.
Provi a cercare di capire per quale motivo, contro ogni buon senso, hai continuato a mangiare e spizzicare per giorni interi – il tutto accompagnato da una quasi totale assenza di movimento (salvo le poche passeggiate che ti sei auto imposta per sentirti meno in colpa, e che hanno avuto come risultato di farti tornare più affamata di prima).

Anche la voglia di allenarsi latita, ha un picco intorno a metà gennaio, ma poi ridiscende clamorosamente a fine mese.

Per questo oggi voglio darti 3 consigli motivazionali – più uno più pratico – per iniziare (o riprendere) ad allenarti con costanza, determinazione e soddisfazione, e per mettere una volta per tutte te stessa al primo posto.

rimettersi in forma dopo natale
Photo by Freestocks.org

1. Non correre (in tutti i sensi)

Hai aspettato fino ad oggi per iniziare (o riprendere) ad allenarti.
Nel migliore degli scenari, ti sei solo fermata durante queste feste, nel peggiore è dal Natale del 1995 che non muovi un muscolo, e adesso hai deciso di accettare una challenge di 20 giorni che ti promette di trasformare il tuo corpo e la tua mente.

Allora, dopo una fase di riposo è impensabile che il corpo reagisca prontamente, ma ha bisogno di tempo per (ri)adattarsi. Quindi non credere ai risultati facili.

(Neanche gli atleti più dotati possono aspettarsi grandi cambiamenti in poco tempo – è per questo che per un evento a maggio iniziano ad allenarsi a settembre).

Il rischio di iniziare un percorso di allenamento pensando di ottenere risultati mirabolanti in poco tempo, è quello di crollare miseramente in pochi giorni di fronte all’evidente mancanza di risposta, e interrompere l’allenamento ancora prima di aver cominciato.

Non c’è fretta, hai tutto il tempo che vuoi.

Discorso a parte se hai deciso invece di iniziare a correre (che per dimagrire dopo le abbuffate, si sa che è quello che ci vuole).
Ok, devo dirtelo, correre di per sé non ha alcun effetto nella perdita di peso.
Se ti piace correre è un altro discorso.

Se invece correre non ti piace particolarmente e vuoi soltanto dimagrire, allora scegli un allenamento muscolare che, come ti spiego qui, è molto più efficace.

2. Non partire con i sensi di colpa

Spesso quando una persona pensa di iniziare o riprendere ad allenarsi, lo fa perché ha un bagaglio di sensi di colpa con sé – e questo a maggior ragione succede dopo le vacanze di Natale.

Durante le vacanze di Natale ci lasciamo un po’ andare, ci rilassiamo, mangiamo di più… e dopo che la festa è finita ci sentiamo in colpa e a disagio.

Questa sensazione di disagio che proviamo però, spesso non è strettamente dipendente dalle ultime settimane, ma dallo stile di vita che abbiamo condotto da quelle famose vacanze di Natale del 1995 ad oggi.
Quante volte hai procrastinato gli allenamenti? Quante volte hai preso l’ascensore invece di fare le scale a piedi?
(Una volta una mia cliente mi disse che si sarebbe allenata solo fino a giugno, e poi avrebbe ripreso a ottobre perché l’estate era il momento dello sfoggio, non quello del lavoro).

Allentare il ritmo di tanto in tanto è normale, mangiare di più durante le feste è normale. Non vivere male il fatto che passato Natale ti senti fuori forma. Era Natale, hai mangiato di più, hai fatto bene.

Piuttosto che espiare questa colpa con allenamenti massacranti, cogli l’occasione per cambiare attitudine e stile di vita. Inserisci l’allenamento all’interno della tua routine, prima poco alla volta e poi man mano alza il livello.

Altrimenti rischi di associare l’allenamento ad una sorta di punizione autoinflitta, e questo non porterà mai – mai – niente di positivo nella tua vita.

3. Fatti un regalo

È il modo migliore per iniziare. Anche se non hai ancora ben chiaro in mente quale sia il tuo obiettivo, anche se ti senti piena di risentimento per quella fetta di panettone che non volevi mangiare e che adesso la senti tutta li sulle cosce mentre fai gli squat.

Se sei fortemente determinata a riprendere e a non fermarti più, diciamo se sei piena di buone intenzioni, questo è il momento di farti un regalo.

Più che regalo, sarebbe meglio parlare di dono.
Qualcosa che offri alla te stessa di oggi in segno di gratitudine perché ti sta dicendo “Ti sei divertita? Bene adesso è ora di darci sotto”.

In questa maniera suggelli la promessa fatta a te stessa, e ogni volta che avrai quel dono tra le mani la tua motivazione e determinazione tornerà alle stelle.

Non deve essere per forza qualcosa di materiale (o meglio, di comprato ed eccessivamente costoso). Può essere un’agenda in cui tieni traccia dei tuoi progressi, o una inspiration board. O anche una foto sul cellulare che incornicia questo momento, un # speciale da usare sui tuoi post… Insomma scegli tu il dono e parti alla grande!

4. Parola chiave: modulazione (bonus tecnico)

Se vuoi ottenere qualcosa di significativo dal tuo programma di allenamento, dopo le feste più che mai, devi MODULARE lo stimolo.

A prescindere dalla condizione nella quale sei arrivata alla Viglia, da quel momento il tuo corpo è andato in vacanza per 15 giorni.

Come ti ho detto prima, se riprendi a cannone come avevi fatto prima di smettere e specialmente se invece ricominci dopo tanto tempo, rischi di farti male o comunque di avere dolori lancinanti che ti accompagneranno fino a Pasqua.

Tuttavia, neanche iniziare con un approccio troppo soft ha dei vantaggi; rischi di allungare troppo il brodo, di annoiarti e mollare.

Il trucco, la vera svolta per ottenere il massimo dall’allenamento, è spingere forte ma modulando la sequenza di allenamento.

Mi spiego meglio.
Prima sessione. Sei super motivata e carica.
Inizi ad allenarti e vai a palla. Poi alla fine fai il punto della situazione.
Come prima volta, come ti senti? Pensi di riuscire a replicare? Allora prosegui così. Altrimenti nell’allenamento successivo piazza subito una sessione più rilassante. Magari fai così anche il terzo, e la settimana seguente torni a spingere forte.

Attenzione però, questa non deve essere una scusa per procrastinare. Se hai intenzione di riprendere alla grande allora questo approccio ti offre enormi vantaggi perché per le prime volte regoli lo stimolo in modo più preciso e sei sempre sicura di andare al massimo (e quindi di fornire uno stimolo adeguatamente efficace al tuo organismo).

Risultato? Ne esci con più energie, con maggiore determinazione e consapevolezza della condizione in cui ti trovi, e non rendi l’allenamento una pena ma un’attività gratificante e stimolante. Nel giro di poco sarai a pieno regime, pronta a superare altri traguardi.

E arrivi al Natale prossimo senza sensi di colpa, pronta a godertelo appieno!


ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

L’allenamento più efficace per dimagrire

Allenarsi a casa: video-lezioni o schede?

Impara ad evitare gli attacchi di fame

Trovare la motivazione per iniziare ad allenarsi e rimanere costante in 5 passi

Comments are closed