Allenarsi a casa: video-lezioni o schede?

Mai come in questo periodo ci siamo tutti allenati dentro casa.

E mai come in questo periodo abbiamo scoperto quant’è scomodo allenarsi con le video-lezioni.

Chiamasi video-lezioni quelle lezioni pre-registrate che vengono caricate su una piattaforma qualunque (o un social network) e che vengono utilizzate dagli utenti per allenarsi.

Come funziona in teoria una video-lezione?

Te la vendono come una cosa bellissima: tu sei a casa tua da sola, ti basta un clic e ti ritrovi proiettata in palestra con il tuo istruttore che si allena con te. Bello, MA.

allenarsi a casa
Photo by mr lee on Unsplash

Le video-lezioni in pratica

Tu sei a casa tua, e non sei da sola. La tv è occupata, il computer è scarico e lì dove ti volevi mettere ad allenare non c’è una presa di corrente comoda. Prendi il tablet, e non hai il supporto per tenerlo verticale, quindi lo appoggi a terra e non vedi nulla, anzi provi ad appoggiarlo al muro ma scivola, quindi lo lasci così.
Vabbè c’è l’audio.
Si l’audio c’è, però con il tablet, o senti quello o senti la musica. E ti alleni senza musica, che sarà mai.
Ma l’audio c’è solo per le cavolate. Ad esempio i focus per la tecnica corretta sono scritti in sovrimpressione, come anche il tempo, e il prossimo esercizio, ma tu hai il tablet per terra e non li vedi.
Allora fai una pausa, mandando in vacca la progressione del lavoro (c’è gente che per calcolare il rapporto più efficace tra tempo di lavoro e pausa, ci fa fior di studi scientifici), e prendi un libro per metterlo a terra a bloccare il tablet, che possa finalmente rimanere appoggiato al muro senza scivolare!
Riprendi, fai una serie di squat guardando il monitor e vai alla grande. Poi ci sono i push up. Poi c’è il plank. Allora che fai, esegui l’esercizio o guardi lo schermo? Faccio tutto.
Esegui l’esercizio male, con la testa girata verso lo schermo e per due giorni ti becchi un indolenzimento al collo che è un piacere.

Cosa registra il tuo corpo: niente. Tra una cosa e l’altra l’allenamento è stato inefficace, per non dire una perdita di tempo.

Cosa registra la tua testa: allenarsi a casa fa schifo!

Un’alternativa intelligente

Non tutto è perduto, e allenarsi a casa non è affatto uno schifo.

Anzi, ha i suoi indubbi vantaggi: risparmi tempo, non devi fare la fila per i macchinari, ti fai la doccia a casa tua (100.000 punti), puoi vestirti come vuoi (anche con i pantaloncini del pigiama se vuoi).

Come ovviare al problema tablet-che-non-vedi-un-tubo-e-non-capisci-cosa-stai-facendo?

Con le schede di allenamento.

Le schede di allenamento sono quell’invenzione geniale di qualche annetto fa, che consiste nello scriverti su un pezzo di carta l’allenamento.

Visto che siamo moderni possiamo usare un file al posto della carta, e addirittura non dobbiamo neanche recarci in palestra per farcelo scrivere da qualcuno. Ce lo possono inviare. O salvare da qualche parte, usando qualche piattaforma invece di metterci le video-lezioni.

Le schede di allenamento

Prendi la scheda dell’allenamento che vuoi seguire oggi. Anzi meglio, se hai accesso a più schede, puoi anche scegliere comodamente l’allenamento che preferisci – “mmm questo è troppo aerobico… facciamo questo, focus sulle braccia”.

Leggi gli esercizi che devi fare, e lo svolgimento – che poi di solito è una roba facile da ricordare, ma insomma in caso tieni la scheda sotto mano. Ti prepari le cose che ti servono, ad esempio sai già se ci sono esercizi a terra e in quel caso puoi prenderti il tappetino e tenerlo sotto mano. Se hai un dubbio su un esercizio te lo vai a guardare prima, perché sapere che non c’è nessuno in video a dirti le cose ti fa preparare mentalmente.

A quel punto scegli il luogo in cui preferisci stare e ti alleni. Metti la musica che vuoi. Ti focalizzi su quello che stai facendo. Ogni volta che cambi esercizio sai per quanto tempo dovrai farlo, sai sempre cosa viene dopo, sai sempre a che punto della lezione sei.

Non ti puoi perdere, sei padrona del veicolo. Hai la mappa, basta seguirla.


ALTRI ARTICOLI CHE POTREBBERO INTERESSARTI

Trovare la motivazione per iniziare ad allenarsi e rimanere costanti in 5 passi

L’allenamento più efficace per dimagrire

Come allenarsi camminando. Lo scoglio dei 10mila passi

Allenarsi fa bene all’ambiente

Comments are closed